Missione InSight

Era iniziata male la sua avventura, ma tra pochi giorni ci siamo. Dopo il rinvio di 2 anni (2016) la Nasa è riuscita a far partire la missione a Maggio 2018. Tutta colpa del sismografo che aveva dei problemi minuscoli, ormai risolti.

Questa bellissima missione sarà seguita da tutti gli appassionati del mondo, in diretta il 26 Novembre 2018. La Nasa infatti ha costruito un sito dedicato alla missione, dove sono disponibili tutti i dati.  https://mars.nasa.gov/insight/

La missione, ricordo è inserita all’interno del programma Discovery, che ha visto fallire sono una delle numerose missioni, la Contour.

L’orario di atterraggio della missione sarà favorevole all’Italia. Finestra aperta dalle ore 20.30 alle 21.53. Anche in questo viaggio c’e molto dell’ingegneria Italiana.

La regione dove cercherà di atterrare la sonda si chiama Elysium Planitia , zona scelta dalla Nasa per la maggior irradiazione solare vista la vicinanza all’equatore. Tale illuminazione è importante per il corretto caricamento delle batterie. Nessuno, o pochi ne parlano, nell’area menzionata o poco distante è presente Curiosity. Quindi amico mio ecco per te in arrivo un compagno!

Ma cosa farà la sonda su Marte? Moltissime cose, in primis misurare l’attività sismica e cercare nel sottosuolo l’acqua. Infatti la sonda perforerà la crosta fino a 5 metri di profondità. Inoltre una stazione meteo (non di Arezzometeo ovviamente, scusate la battuta) a bordo misurerà tutti i dati meteo del luogo, sperando che tali, vengano messi on-line.

Ansia, per i 7 minuti di terrore che ci accompagneranno fino alla sua discesa sul Pianeta. In bocca al lupo InSight!!